NEWS

 

Morciola di Colbordolo
Via Pietro Nenni 115
TEL. 3381976030
Newsletter Harasun     2015
Fratello sole
Al ritorno dalle vacanze fa piacere aver un' ulteriore conferma dei benefici effetti del Sole. Anche in città potremo conservare la nostra tintarella con un uso ragionevole delle lampade abbronzanti per sentirci sempre in forma con il senso di benessere e di vitalità che la vita al sole delle vacanze ci ha dato. Un uso corretto dei solarium è consigliabile non solo per un migliore aspetto estetico ma anche per rafforzare le nostre difese immunitarie e difenderci dai malanni della cattiva stagione ed avere più energie per lo stress del lavoro e della vita moderna.
 
 
 
I benefici dei raggi UV
Molti europei soffrono di insufficienza di vitamina D. Anche nei paesi con molto sole, come la Romania è una realtà. Solo alcuni tipi di alimenti contengono la vitamina D e la sorgente maggiore e´il sole. Secondo il Professore Michael Holick, della Boston University Medical School, tra l´80 ed il 100% della vitamina D necessaria ci viene fornita dal sole. Bastano 30 minuti di esposizione del viso e delle braccia ogni giorno da aprile ad ottobre ( quando i raggi del sole solo più forti) alle medie latitudini per assicurarne un livello adeguato. Attualmente la maggioranza di noi ne ricava troppo poca dalla combinazione sole e cibo. “La carenza di vitamina D è estremamente comune”, afferma Holick. Uno studio effettuato a Boston ha rivelato che il 32% delle persone nell’ età compresa tre i 18 e 29 anni rivelano questa deficienza alla fine di un inverno tipico.
 
La luce del sole e l’uomo
Recentemente molti studi hanno confermato che un adeguato livello di vitamina D possa ridurre il rischio di cancro interno di più del 30%. L’ insufficienza e´stata anche trovata nei casi di diabete, sclerosi multipla, problema alle coronarie, mentre un livello troppo alto di vitamina D può dar adito ad un fenomeno di calcificazione.
In molte parti d’ Europa la carenza di vitamina D nella pelle e´generata dal fatto che le radiazioni solari contengono deboli raggi ultravioletti. Anche in estate, questa insufficienza può manifestarsi in persone che svolgono un’attività all’interiore e non hanno il tempo o l’opportunità di esporsi moderatamente ai raggi solari.
Il professore Johan Moan dell’Universita Radium di Oslo afferma: “ ideale sarebbe che le persone si esponessero 10 minuti al sole di mezzogiorno in quei mesi quando i raggi ultravioletti sono più intensi “, il professore Moans prosegue asserendo che :” il fatto stesso che la gente che vive in prossimità dell’ equatore abbia una pelle più scura rispetto a coloro che vivono a latitudini più a nord dimostra che la natura stessa ci dice che gli esseri umani necessitano di una certa quantità di radiazioni solari”.
In altre parole, bisogna uscire quando arriva la primavera, ma il Professore Moan aggiunge un avvertimento:” una sovraesposizione ai raggi solari potrebbe aumentare il rischio di cancro alla pelle, il rischio di scottature deve essere evitato sempre”: Poiché la conversione di vitamina D avviene dopo qualche tempo: “ l´approccio migliore è l´esporsi brevemente ma frequentemente”. Una integrazione di vitamina D può essere un’opzione però troppa vitamina D potrebbe danneggiare il cuore, polmoni e reni, questo e´il motivo per cui le Autorità Sanitarie hanno fissato il limite massimo a 400IU giornalieri.
Il livello ottimale però resta ancora sconosciuto.
 
Tratto da Sunlight Reserc Forum
 
ANTICIPAZIONI DI UN SECOLO

Sulle orme del Gran Medico di Ellen G. White

Di seguito alcune citazioni dal libro dell’autrice americana Ellen G. White Sulle Orme del Gran Medico (Edizioni ADV, tel 055/2326291; tra parentesi vengono indicate le pagine da cui sono tratte) che agli inizi del Novecento segnalava importanti intuizioni proprio sul saggio utilizzo dei raggi solari
«Tutti coloro che devono recuperare la loro salute dovrebbero, per quanto possibile, trasferirsi in una località di campagna per beneficiare dei vantaggi di una vita all’aria aperta. La natura è il medico di Dio. L’aria pura, la luce del sole, i fiori e gli alberi, i frutteti e i vigneti, l’esercizio fisico all’aria aperta risulteranno vivificanti e salutari.
Sia nella costruzione degli edifici pubblici sia di quelli privati, è necessario prevedere che il sole e l’aria vi penetrino sufficientemente.
È molto importante che nelle nostre case ci sia una buona aerazione e penetri molto sole. Ogni stanza dovrebbe beneficiare di aria pura e luce, in modo particolare la camera da letto. Non bisogna dormire in una camera dove l’aria e il sole non hanno libero accesso ogni giorno.
Eliminate i tendaggi pesanti, aprite le finestre e le persiane; non lasciate che i rampicanti, per quanto belli possano essere, facciano ombra alle finestre e non piantate alberi così vicini alla casa che offuschino la luce del sole. Può accadere che il sole scolorisca la tappezzeria e i tappeti, o rovini le cornici delle fotografie ma in cambio darà un bel colorito sano alle guance dei vostri bambini.
La forza diminuisce nella misura in cui gli anni passano, e quindi si è meno forti per resistere alle malattie; ecco perché per gli anziani sono necessari molto sole e aria pura».
 

 

 

Informativa sulla privacy
Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!